Fondato negli anni ‘80 dall’Avv. Andrea Falco, lo Studio Legale dell’Avvocato  Andrea Falco e dell’Avvocato Luca Falco opera a Treviglio (BG) e fornisce consulenza e assistenza legale, giudiziale e stragiudiziale nei diversi settori del diritto . In particolare, lo studio è specializzato in:

  • diritto della persona (risarcimento danni),
  • diritto dell`edilizia (contratti di compravendita di immobili),
  • diritto di famiglia (separazioni, divorzi , successioni, riconoscimenti   di paternità),
  • diritto del condominio,
  • diritto civile e commerciale (consulenza e assistenza per contratti, recupero crediti, locazioni),
  • diritto del lavoro

Lo Studio Legale opera prevalentemente nei Tribunali di Bergamo, Milano, Brescia, Monza, Lodi, (Tribunali ordinari, Tribunali dei minori) e nei rispettivi distretti delle Corti di Appello e presso la Suprema Corte di Cassazione in Roma, ed è in grado di fornire assistenza legale su tutto il territorio nazionale, avendo instaurato, nel corso degli anni, una fattiva collaborazione professionale con Avvocati e Studi Legali Associati ubicati in tutta Italia; lo Studio svolge anche attività di domiciliazione e sostituzione processuale.
Lo Studio deve la sua fama all'esperienza che in questi trent’anni ha raccolto soprattutto nel campo del Diritto Civile e del  Diritto Penale.

Avvocato Treviglio Studio legale Treviglio Bergamo Avvocati Treviglio Bergamo

Le nostre sentenze

Tribunale di Bergamo - Sentenza n. 3086/2015 del 29 dicembre 2015, RG N.6487/2010.

Contratto di compravendita di immobile da costruire. Difformità delle opere edili pattuite per inadempienza del costruttore-venditore. Recesso del contratto da parte dell'acquirente. Condanna del costruttore-venditore a restituire all'acquirente il doppio della caparra confirmatoria ricevuta.

Corte d'Appello di Brescia - Sentenza n. 445/2016.

La rinunzia all'eredità ha efficacia retroattiva e risale al giorno della morte del defunto: chi rinuncia all'eredità è considerato come se non vi fosse mai stato chiamato e non risponde dei debiti del defunto. Nel caso specifico la Corte d'Appello ha ritenuto che il successore che abbia rinunciato all'eredità, non debba pagare i debiti del defunto, perchè la rinuncia ha effetto fin dall'apertura della successione e cioè dalla morte del defunto.